Archivio tag | ottobre

Wellcome, ottobre

Questa lunga e caldissima estate sembra essere definitivamente finita, me lo auguro davvero.
Non è stata proprio un’estate memorabile, se non per il caldo africano, e non se ne poteva davvero più.
Ieri mi sono addormentata coperta e infreddolita, cullata dal ticchettio della pioggia sulla finestra. Goduria.

Tra poco dovremo iniziare tutti a coprirci un bel po’, fumare fuori diventerà una tortura. Si torna infagottati e per me è una liberazione.

Ci sono tanti posti da vivere dentro. Nuovi locali alla moda da scoprire, mostre, cinema, aperitivi, cene in casa condite da buon vino… ok quello da dicembre per quanto mi riguarda.
Ho sudato anche l’anima scolandomi birre estive e adesso che potre corroborarmi l’umore con del buon vino, non posso.

La cosa che più mi piace dell’inverno è fissare il buio e le luci della strada da una finestra. Di casa, dell’ufficio, di un locale.
Tutte quelle luci, dietro a milioni di idee e persone e fiati e abbracci, disegnano un profilo diverso della città, una città che pulsa e vive e mi tranquillizza quando sono al sicuro della mia casa.

Non proprio le mille luci di New York, ma mi accontento lo stesso.

Benvenuto autunno

Poi ci sono quelle giornate che iniziano prima, molto prima delle altre, in un parco ancora pieno di brina e avvolto da temperature notturne di un ottobre che ancora albeggia, prima di una riunione, con ansia. Poi una perfetta sconosciuta, al semaforo, ti distrae di colpo dai tuoi pensieri.
Esce dall’auto tirandosi giu una mini gonna jeans decisamente mini e ormai fuori stagione, che la fa sembrare appena rientrata da un beach party.

“Scusa cara ma che chai d’accenne? Cho tutto rotto, l’accendino scarico, l’accendisigari che nun funziona… sto a sbroccà”.

Ovviamente l’accendino rosa che hai predisposto per la macchina è sparito, arraffi la borsa piena di documenti minacciosi di refusi, hard disk, pochette turche, lucidalabbra appiccicosi.
Ovviamente il semaforo nel frattempo si fa rosso.
Guardi il tuo mozzicone quasi finito, che sai di aver acceso troppo presto.

“Tieni usa questa, tanto è finita”.
“Grazie, grazie tanto bella è, sciao sciao buona giornata”.
Sì, dopo tutto è stata una buona giornata.